Storia la Camera Picta (comunemente conosciuta come Camera degli Sposi)

Camera Degli Sposi

Ludovico II Gonzaga commissionò a Mantegna, il pittore di corte da allora, la decorazione dell'appartamento. In origine, la camera serviva sia come sala d'udienza (dove il marchese trattava questioni pubbliche) che come camera da letto di rappresentanza (dove Ludovico interagiva con la sua famiglia).

Cliccare qui

scroll

omnis quisquam,

Stile e descrizione

La pittura di Mantegna qui, come nelle opere precedenti, si distingue per la sua evocazione di immagini dell'antichità classica, secondo Giulio Carlo Argan. Mantegna è il primo grande classicista della pittura, con un classicismo archeologico alla sua opera.

Il disegno complessivo

Il tema del collegamento tra le immagini sulle pareti è il falso zoccolo di marmo, che corre intorno alle pedane inferiori, su cui si impiombano i pilastri, dividendo i quadri in tre aperture. Lo splendore ha un oculo centrale, da cui si vedono i personaggi e gli animali su un cielo lucente e dipinto in affreschi a forma di calice.

Mantegna decorazione

Mantegna disegnò una decorazione che copriva tutte le pareti e le volte del soffitto della stanza quasi cubica (circa 8,05 m di lato, con due finestre, due porte e un camino), adattandosi ai limiti architettonici della stanza mentre illusionisticamente sfondava le pareti con la pittura, come se si fosse al centro di una loggia o di un padiglione aperto all'esterno.

Un affresco del periodo etrusco

Sono stati escogitati nuovi metodi per trasferire i disegni su carta al muro

Molti artisti abbozzavano le loro composizioni con un pigmento rosso chiamato sinopia, che era anche usato per riferirsi a queste sottopitture, su questo strato inferiore, che non sarebbe mai stato visibile.

La cabronatazione della calce

Che fissa il colore nell'intonaco e assicura la longevità dell'affresco per le generazioni future, è una parte essenziale di questo processo. Raschiare rientranze in porzioni particolari dell'intonaco mentre era ancora umido era una tecnica utilizzata negli affreschi popolari di Michelangelo e Raffaello per migliorare l'aspetto della profondità e per sottolineare certi luoghi rispetto ad altri

Il metodo era usato da Michelangelo

Usando questo metodo, le pupille degli occhi della Scuola di Atene sono infossate, facendoli apparire più profondi e pensosi. Questo metodo è stato utilizzato da Michelangelo come parte della sua firma delineazione delle sue figure primarie nei suoi affreschi. Ci possono essere da dieci a venti o anche più giornate, o porzioni indipendenti di gesso, in un affresco di dimensioni murali.

Altri stili di pittura murale

La pittura secco o affresco-secco viene eseguita su intonaco asciutto (secco significa secco in italiano). Per fissare il pigmento al muro è necessaria una sostanza legante, come tempera all'uovo), colla o olio

Camera Picta

Suite nuziale La Camera Picta è un capolavoro assoluto del Rinascimento a cui il pittore Andrea Mantegna lavorò per quasi nove anni, con alcune interruzioni (1465-1474). I dipinti della Camera Picta (anticamente detta "camera dipinta") sono un prototipo eccezionale di una nozione decorativa unitaria di un ambiente in chiave ottica e prospettica. I protagonisti della rappresentazione si muovono su un finto proscenio marmoreo, reso visibile dalla deviazione delle tende che chiudono i lati sud ed est; la finzione architettonica si sviluppa sulle pareti con finte lesene che scandiscono i dipinti, e sopra di esse prosegue dai capitelli pensili attraverso le vele della volta (rialzate per rendere le proporzioni cubiche della stanza), culminando nel tondo centrale, il famoso oculo prospettico del Rinascimento. Sulla parete ovest, l'intera corte è raffigurata in modo molto informale, sorpresa alla consegna di un messaggio a Ludovico da parte di un corriere (a sinistra), affiancato dalla moglie Barbara di Brandeburgo. Ludovico apprende dalla lettera che Francesco Sforza, il signore di Milano per il quale prestava servizio come comandante dell'esercito, è gravemente malato; il suo viaggio a Milano è raffigurato sulla parete ovest, in particolare attraverso l'episodio dell'incontro a Bozzolo con suo figlio Francesco, da poco nominato cardinale. La mitologia di Ercole (lati sud e ovest), Arione (est) e Orfeo (nord), le lunette e le vele della volta, dove sono raffigurati i dodici imperatori, sono solo alcuni dei numerosi riferimenti all'antichità.

È aperta tutto l'anno

Dal 1465 al 1474, Andrea Mantegna lavorò alla decorazione della Camera degli Sposi, che prima era la Camera Picta. Mantegna porta letteralmente il visitatore nella trama, un vero episodio dell'epopea gonzaghesca, con un'arte bellissima e una difficile tecnica di pittura, ottica e prospettiva (il miglior punto di osservazione è il centro della camera). Il marchese Ludovico (parete nord), accompagnato da sua moglie Barbara di Brandeburgo e da tutta la corte, riceve la notizia da Francesco Sforza, il signore di Milano per il quale sta servendo come capo dell'esercito, che è gravemente malato. Durante il suo viaggio a Milano, vede suo figlio Francesco (parete ovest), che è stato recentemente nominato cardinale. Qui ci sono finti pilastri per marcare i dipinti come corollario della celebrazione politica e dinastica della famiglia Gonzaga: capitelli pensili, i miti classici di Ercole (lati sud e ovest), Arione (est) e Orfeo (nord) nelle lunette, i busti dei dodici imperatori raffigurati sulle vele della volta (sollevate per rendere le proporzioni cubiche dell'ambiente), festoni, L'occhio viene gradualmente attirato verso l'alto fino al tondo centrale, dove trionfa il famoso oculo prospettico, dal quale una sfilza di putti dispettosi, un pavone, un cesto di agrumi in equilibrio precario e figure umane guardano l'osservatore.

Murale sul muro con le proprie mani
Murale sul muro con le proprie mani

Quando un restauro è terminato, le pareti sono spesso lasciate libere e senza forma, che possono essere decorate con un affresco murale con pittura murale per interni colorata. Questo tipo di decorazione murale esiste dall’inizio dei tempi, ma, avendo perso la sua importanza, è quasi scomparso. Tuttavia, nella sua attuale incarnazione, sta aumentando in popolarità. Cos’è esattamente un murale? È una decorazione murale decorativa in gesso grezzo.

la croce dell'antico egitto simbolo della vita

Contesto storico

Le pareti dei palazzi e dei templi erano coperte di affreschi. Molti noti pittori e iconografi sono diventati famosi grazie al loro lavoro con questo mezzo. Tra loro ci sono Michelangelo, Raffaello, Leonardo da Vinci, Diego Rivera, l’iconografo Andrei Rublev e il pittore Dionigi.Gli affreschi nella Cappella Sistina, nella Cattedrale dell’Assunzione, nella Chiesa della Trasfigurazione e nella Villa Mysterius hanno affascinato il pubblico per secoli. Gli affreschi sono spesso usati per abbellire le pareti di residenze private, ristoranti e case in interni moderni.

Gli affreschi sono disponibili in molte forme e dimensioni.

Molti individui preferiscono impiegare affreschi per le pareti per dare alle loro stanze un fascino esclusivo e unico. Possono essere fabbricati su ordinazione da una vasta gamma di materiali da costruzione disponibili sul mercato, o possono essere fatti con le proprie mani.

Classico

Questo metodo di creazione di un murale era una volta utilizzato dagli artisti antichi per dipingere le pareti, ma ora è raramente usato a causa della sua difficoltà di esecuzione e della spesa costosa. Stampato su tela. Realizzato a mano in Grecia, Italia e Spagna, questa complessa tecnologia è immensamente popolare. La tela viene prima trattata con una combinazione unica, poi dipinta con pigmenti naturali prima di essere invecchiata artificialmente. Sugli affreschi viene applicata una sostanza protettiva. Questi articoli necessitano di un’attenzione continua e di una ceratura su base regolare, il che richiede un po’ di lavoro. Ideale per interni dall’atmosfera provenzale.

Autoadesivo

Ha l’aspetto di una carta da parati testurizzata o fotografica. Uno strato di sabbia fine di fiume imita l’intonaco sul supporto autoadesivo. Il murale è semplice da appendere, ma è sottile e non copre le pareti irregolari. La superficie deve essere preparata e levigata prima di applicare la carta da parati. Il vantaggio di questo murale è che puoi scegliere autonomamente il motivo e il design secondo le tue preferenze, e il computer stamperà qualsiasi immagine tu scelga.Gli affreschi murali interni in pile su un substrato di pile sono frequentemente usati per aree enormi. Sono quasi identici ai classici, grazie alle tecniche di produzione avanzate e alla tecnologia attuale. Sulla superficie dell’affresco viene applicata una lacca speciale che ne prolunga notevolmente la vita utile. Può essere facilmente installato sul muro con colla per carta da parati non tessuta e con le proprie mani. Questo murale sembra incredibile in qualsiasi interno grazie alla varietà dei loro disegni e alla disponibilità di vari elementi ornamentali.

Intonaco malleabile

Oggi, un tale murale è abbastanza popolare. In termini di estetica e tecnologia di produzione, assomiglia a un murale tradizionale. L’uso del moderno intonaco flessibile, che si asciuga più velocemente dell’intonaco tradizionale, permette all’artista di lavorare per lunghi periodi di tempo. L’artigiano potrebbe allungare il periodo di lavoro usando il nuovo gesso elastico, che si asciuga più velocemente del gesso tradizionale. È possibile creare un tale murale con le proprie mani se si sa come lavorare con l’intonaco e si hanno capacità creative.

La cassetta di sicurezza

Il caveau è costituito da un soffitto ribassato che è separato in vele e pennacchi dipinti in modo illusionistico. Uno sfondo dorato e dipinti monocromatici che simulano sculture di stucco e clipei dividono l'area in figure regolari, con uno sfondo dorato e dipinti monocromatici che simulano sculture di stucco e clipei.

1

Anche il muro ovest, detto "dell'Incontro", è diviso in tre sezioni. L'"incontro" vero e proprio è raffigurato sulla destra, alcuni putti sorreggono una targa dedicatoria in quella centrale, e i cortei del marchese sono raffigurati sulla sinistra, che prosegue nel settore centrale con due personaggi: questi ultimi sono raffigurati nello stretto spazio tra il pilastro e la vera mensola dell'architrave della porta, a dimostrazione della difficile compenetrazione effettivamente attuata tra mondo reale e mondo dipinto. Un autoritratto di Mantegna come mascherone è nascosto all'interno della grisaglia nel pilastro tra l'incontro e i putti.

2

La natura immobile dei personaggi raffigurati di profilo o di tre quarti per sottolineare l'importanza dell'occasione conferisce una certa fissità allo scenario. Il Colosseo, Castel Sant'Angelo Cestio, teatro piramidale di Marcello Nomentano, ponte delle Mura Aureliane e altri punti di riferimento di Roma sono raffigurati sullo sfondo.

3

Mantegna creò anche altri monumenti ex novo, come una gigantesca statua di Ercole, forse basata su un'elaborazione di fantasia su modelli stampati, in un capriccio architettonico che non ha nulla a che fare con la filologia. La scelta della Città Eterna era simbolica: indicava i forti legami della dinastia con Roma, rafforzati dalla nomina del cardinale, e poteva anche essere una citazione di buon auspicio per il cardinale come futuro papa. Una grotta sulla destra ospita alcuni cavatori impegnati a scolpire blocchi e colonne.Cristiano I di Danimarca e Federico III d'Asburgo.