consequatur pariatur praesentium. Iusto minima tempora perspiciatis maiores, provident

Antico Egitto e Vicino Oriente antico

Il primo affresco egiziano conosciuto, datato intorno al 3500-3200 a.C., fu scoperto nella Tomba 100 a Hierakonpolis.

Antico Egitto e Vicino Oriente antico

Molti dei motivi e dei disegni visti nell'affresco erano stati visti in precedenza su altri manufatti Naqada II, come il coltello Gebel el-Arak. Raffigura una scena di "Maestro degli animali", un uomo che combatte contro due leoni, scene di combattimento individuali, e navi egiziane e straniere.Molte tombe ed edifici sono stati dipinti dagli antichi egizi, ma tali dipinti murali non sono affreschi.Un antico affresco mesopotamico (Investitura di Zimri-Lim Siria) dell'inizio del XVIII secolo a.C.

I primi affreschi del Buon Affresco risalgono alla prima metà del secondo millennio a.C.

Civiltà dell'Egeo

Durante l'età del bronzo, e si trovano tra le civiltà dell'Egeo, in particolare l'arte minoica dell'isola di Creta e delle isole vicine del Mar Egeo. L'affresco del Salto del Toro, il più famoso di questi, mostra una cerimonia sacra in cui le persone saltano sulla schiena di enormi tori. I più antichi affreschi minoici sopravvissuti risalgono al periodo neopalaziale (circa 1640-1600 a.C.) e si trovano sull'isola di Santorini (nota anche come Thera).

Affresco dalle Grotte di Ajanta, erette e dipinte nel 6° secolo d.C. durante l'Impero Gupta.

India

Preziosi affreschi antichi e altomedievali sono stati conservati in più di 20 luoghi in tutta l'India grazie a un gran numero di antichi templi rupestri. Gli affreschi sui soffitti e sulle pareti delle grotte di Ajanta sono i primi affreschi conosciuti dell'India, datati tra il 200 a.C. e il 600 d.C. circa. Illustrano i racconti Jataka, che raccontano le vite precedenti del Buddha come Bodhisattva. Gli episodi narrativi sono mostrati uno dopo l'altro, anche se non in ordine cronologico. Dalla riscoperta del sito nel 1819, la loro identificazione è stata al centro dell'attenzione degli studi sull'argomento.

Il mondo dell'arte e l'affresco

Il termine italiano affresco, che significa "fresco", deriva da una parola germanica che è collegata alla parola inglese fresh. Pittura a fresco, che significava "dipingere a fresco" nel Rinascimento, si riferiva alla pittura che veniva messa mentre l'intonaco sul muro era ancora bagnato, in contrasto con pittura a secco, che significava "dipingere a secco". In inglese, fresco appare per la prima volta come parte della frase in fresco, e non è fino al 1670 che la parola emerge come sostantivo riferito a un dipinto. La parola al fresco "all'aperto", adottata in inglese come alfresco e usata principalmente per quanto riguarda il mangiare all'aperto, usa un senso diverso dell'italiano fresco, che significa "aria fresca".

1

La volta è costituita da un soffitto abbassato che è separato in vele e pennacchi dipinti in modo illusionistico. Uno sfondo dorato e dipinti monocromatici che simulano sculture di stucco e clipei dividono l'area in figure regolari, con uno sfondo dorato e dipinti monocromatici che simulano sculture di stucco e clipei. Le parti architettoniche dipinte sono abilmente articolate per creare l'illusione di una volta profonda, quasi sferica, che in realtà è una modesta curva del tipo "unghiato". Il famoso oculus, il componente più stupefacente dell'intero ciclo, si trova al centro, dove gli esperimenti illusionistici della Cappella Ovetari Padova sono spinti alla loro logica conclusione.

2

La varietà di pose è enorme, caratterizzata dalla completa libertà di movimento dei corpi nello spazio: alcuni putti riescono a infilare la testa negli anelli della balaustra, mentre altri sono visibili solo da una piccola mano tesa.Anche se non è chiaro se le femmine siano persone reali che frequentano la corte dei Gonzaga (una ha un pettine in mano), le loro espressioni giocose suggeriscono che stanno progettando uno scherzo, una scena di vita ordinaria all'indomani della lezione di Donatello. Il pesante vaso di agrumi è in realtà in equilibrio su un bastone, e le ragazze che lo circondano, con le loro espressioni ridenti e complici, sembrano sul punto di farlo cadere nella stanza.Un profilo umano è sepolto nella nuvola vicino al vaso, molto probabilmente un autoritratto ben camuffato dell'artista.

3

L'oculus è circondato da una ghirlanda circolare, che è circondata da un quadrato di false costole dipinte con un motivo intrecciato evocativo di vecchie palmette in bassorilievo. Medaglioni dorati adornano i luoghi d'incontro. Otto losanghe con sfondo dorato sono disposte intorno alla piazza, ognuna con una ghirlanda circolare che racchiude un ritratto in grisaglia di uno dei primi otto imperatori romani, sostenuto da un putto e circondato da nastri volanti. Per evitare schematismi, i Cesari sono raffigurati in senso antiorario con i loro nomi all'interno del medaglione (dove sono intatti), e i loro atteggiamenti sono diversi.